LANZAROTE – “La rivincita”

12 aprile ’14 – 19 aprile ’14
A circa 10 anni dal primo viaggio a Lanzarote siamo voluti ritornare per riprenderci una specie di rivincita, l’ultima volta abbiamo fatto 10 giorni di acqua e non è stato molto divertente, inoltre vedere le isole Canarie con il cielo grigio si perdono un sacco di cose, il più bello direi il colore dell’oceano ma includerei anche il colore della sabbia nelle spiagge, i paesaggi vulcanici desolati ecc.. La nostra vacanza è stata incentrata principalmente sul mare, musei, città e altre piccole cose le avevamo già viste. L’isola è relativamente piccola, in un ora si va tranquillamente da nord a sud. Per questo motivo noi abbiamo preso un appartamento più o meno a metà, Playa del Carmen. Le spiagge del sud sono in assoluto le più gettonate, a parere personale anche le più belle. Negli ultimi anni è stato costruito parecchio, niente di esagerato o troppo voluminoso e la zona dove stanno le spiagge che era una sorta di parco nazionale è rimasta tale, con strade sterrate e ingresso a pagamento, € 3,00 per auto. Se il prezzo da pagare è per mantenere questo piccolo paradiso sono ben felice di pagarli purchè rimanga tale. Ci sono 4/5 spiagge nella zona, tutte molto vicine, quelle che abbiamo frequentato noi sono playa Papagayo, in assoluto la più bella e credo anche la più frequentata, però di una bellezza caraibica, la piccola spiaggia a forma di banana è bagnata da acque cristalline con diverse sfumature di azzurro, blue e verde. Playa de las Mujeres invece è una playa più classica con sabbia dorata e acque più agitate ma comunque tranquille per una bella nuotata, molto frequentata anche questa ma essendo molto grande un posto sulla sabbia lo si trova sempre. Durante la nostra permanenza abbiamo fatto il giro di tutta l’sola e un altro posto molto gettonato è playa Famara, posta a nord/ovest dell’isola, la spiaggia è famosissima soprattutto per i surfisti, non è esattamente un posto paradisiaco ma l’ambientazione selvaggia la rende veramente interessante, una giornata direi che la merita, tantissimi i giovani che la frequentano, per fare una nuotata però andrei da un’altra parte. Altra zona interessante è la costa nord/est, la zona è completamente ricoperta dalla lava solidificata dei numerosi vulcani presenti, ma ci sono alcune belle spiaggette con purissima sabbia bianca, si trovano abbastanza facilmente, lungo la strada costiera ci sono piccoli parcheggi e sul lato opposto basta fare due passi tra i resti vulcanici e si arriva direttamente in spiaggia, in queste spiagge viene praticato soprattutto lo snorkeling. Un posto che assolutamente non va tralasciata è la punta più a nord dell’isola, al mirador del rio dove si può ammirare la isla graziosa e l’immensità dell’oceano atlantico. Una visita la merita sicuramente il parco del vulcano Timanfaya, peccato che non sia possibile girare il parco in libertà e si deve per forza prendere uno di quei pullman collettivi ma comunque ne vale la pena. Prima di arrivare all’ingresso del parco ho notato che è stato creato un parcheggio dove è possibile fare passeggiate nel deserto vulcanico con i cammelli, direi che è la cosa più squallida e triste che ho visto su tutta l’isola. Gli animali sono a decine, tutti legati tra di loro e non in buone condizioni, alcuni di loro non si reggono in piedi e sulla loro schiena vengono installati dei seggiolini di ferro dove possono sedersi due persone alla volta. Sono rimasto disgustato. Il problema è che la gente che si ferma ed usufruisce del servizio sono a centinaia in quanto ne arrivano dei pullman pieni, na vergogna!! Girovagando per l’isola non ho fatto a meno di notare che c’è stata una invasione di Cinesi, anche qui!!! Oramai sono una piaga irrisolvibile. A Playa del Carmen dove abbiamo affittato un appartamento i negozi di souvenir, di elettronica, ristoranti sono tutti per la maggior parte in mano ai cinesi e indiani, ma come cazzo è possibile rovinare un piccolo paese caratteristico delle isole Canarie in questo modo?? Mentre si passeggia sul bellissimo lungomare ogni volta che si passa davanti a un locale si viene avvicinati da qualcuno che cerca di portarti a mangiare nel loro locale, una cosa che non ho mai sopportato, non c’è più nemmeno un ristorante tipico spagnolo, tranne uno!! Sul lato vista mare c’è un ristorante con una scalinata che va verso il mare, dalla strada si vede un piccolo spazio dove stanno i tavoli, direttamente vista oceano. Il Terrazza Playa, una chicca in mezzo a tanta spazzatura, piatti tipici di pesce, ottimo vino e ottimo servizio, per non parlare della vista…. Consiglio assolutamente questo ristorante, se andate qui gli altri non li guarderete più. Per concludere direi che una vacanzetta in questo piccolo paradiso lo merita al 100%, sole, mare, bella gente (tranne i cinesi), e tanta tanta tranquillità.

Come organizzare un viaggio alle Isole Canarie
Organizzare un viaggio alle Canarie? Non c’è viaggio più semplice da organizzare. Dieci anni fa la ricettività dei voli e degli alberghi era più limitata, oggi si trovano più facilmente e in quantità. Per il volo la soluzione migliore e più economica ad oggi è la Ryanair, tanti potrebbero storcere il naso nel pensare di fare quattro ore e mezza di volo con la Ryanair perchè i posti sono stretti, perchè ci sono restrizioni sui bagagli, rotture di palle continue con pubblicità, cibo a pagamento ecc…. A me sinceramente non interessa, bado più al risultato con la minima spesa. Si dopo quattro ore il mio fondoschiena non stava molto bene ma va beh si può anche sacrificarsi ogni tanto. Visto che sapevo dei posti stretti l’unica cosa che ho aggiunto al mio volo è la prenotazione del posto a sedere, posto 1A, davanti alla porta, almeno potevo alzarmi e stendere le gambe. Il tutto a un prezzo modico di € 240. Le altre compagnie purtroppo sono fuori mercato, una volta c’era la Binter Canarias che faceva voli diretti con partenza da Bergamo e Milano a prezzi molto bassi ma purtroppo ora non c’è più. Se per caso vi dovesse capitare un volo dell’Alitalia in codeshare con la Air Europa lasciate stare e poi fare uno scalo per andare alle Canarie non ha senso. Passiamo ai pernottamenti. La recettività è piuttosto elevata e c’è di tutto, hotel, B&B, appartamenti. I prezzi sono per tutte le tasche, c’è noi abbiamo scelto la soluzione appartamento perchè era una delle più economiche, più spazio e poi è in una zona che per noi è il top. La Laguneta è un piccolo recidence vicinissimo al centro di Playa del Carmen, 500 m dalla spiaggia e 5/6 km dall’aeroporto. Essendo appena fuori dal centro la notte non c’è nessun casino notturno e poco traffico, inoltre c’è anche una bella piscina. Locali puliti e ben attrezzati con cucina. Il prezzo per una settimana è di 203 € per due persone il che vuol dire circa € 15 circa a notte a testa, mi sembra una buona sistemazione, prenotazione fatta su booking. Il miglio modo per spostarsi alle isole Canarie è noleggiare un auto, quasi tutte le compagnie di autonoleggio sono direttamente in aeroporto, noi abbiamo prenotato un auto su rhinocarhire.com e ci hanno dato un auto con la compagnia Orlando. Avevamo letto qualche recensione su questa compagnia e tantissime ne parlavamo male, a noi hanno rifilato una Renault Clio scassatissima, ci abbiamo messo una giornata intera per capire come chiudere tutte le portiere e per aprire il bagagliaio, mentre andiamo per strada si sentono dei rumori stranissimi però non è che mi interessi molto basta che cammini, tanto l’isola è piccola e non dobbiamo fare molta strada. Tutto al prezzo di € 105 compreso le assicurazioni. In Italia forse la noleggi per un giorno al quel prezzo. Purtroppo il primo giorno non è stato dei migliori perchè appena sbarcati dall’aereo stava piovendo e subito è rinato l’incubo di anni fa quando purtroppo abbiamo passato l’intera vacanza in casa. Le previsioni meteo mettono bello per i prossimi giorni e speriamo che sia vero….. Facciamo comunque un giro perlustrativo per Playa del Carmen e subito notiamo diverse differenze rispetto a otto anni fa, la piccola città si è parecchio ingrandita e notiamo anche molto più turismo, la gente per le strade è tanta. Molti più hotel, però devo dire che hanno costruito con intelligenza, non è stato fatto nulla di troppo esagerato tipo super mega hotel con otto piscine e quindici bar, hanno mantenuto una linea caratteristica del posto.

TOP OF PAGE

Scrivi un commento

*

captcha *