LA PALMA – “La Isla bonita”

01/08/2006 – BERGAMO BGY – LA PALMA (la mas bonita)
Questo viaggio si preannuncia molto interessante: in ventiquattro giorni toccheremo cinque delle sette Canarie a disposizione (le altre due sono state scartate solo perché Lanzarote ce la siamo già beccata l’inverno scorso e Tenerife vogliamo tenercela buona per un prossimo futuro, non si sa mai, magari in un periodo con poche idee…). Partenza da Bergamo con la Binter Canarias, con un aereo che sembra disegnato a cartoni animati e che viene naturalmente battezzato “Disney Channel”. Il biglietto (elettronico) è stato acquistato (come tutti gli altri del nostro itinerario) direttamente sul sito della compagnia, al costo di 360,00 euro (BGY-La Palma e ritorno); gli altri voli interni hanno prezzi variabili tra i 40,00 e i 60,00 euro a tratta. Grazie alla proverbiale efficienza degli aeroporti italiani, il nostro Disney Channel parte con un ritardo di oltre un’ora, il che vuol dire perdere la coincidenza a Gran Canaria per La Palma con tutto quello che segue (inutile notte in aeroporto, volo l’indomani, un giorno di vacanza buttato nel cesso). Grande sorpresa, potenza degli spagnoli che sanno come affrontare le situazioni: all’atterraggio a Gran Canaria tutti i passeggeri con destinazione la Palma vengono bloccati e imbarcati direttamente sull’aereo (che nel frattempo ha aspettato sulla pista) con destinazione La Palma, senza transitare dall’aerostazione. Siamo senza parole davanti a tanta operatività. E i bagagli? Stessa trafila, vengono sbarcati e smistati direttamente sul parcheggio e ci seguiranno senza intoppi. Alla fine dunque sul disguido italiano è stata messa una pezza spagnola. All’aeroporto di Santa Cruz ci aspetta, come d’accordo, Pedro Perez, il nostro padrone di casa (trovata su un depliant e contrattata a suon di e-mail a 418,00 euro per 7 notti, auto compresa, bonifico in acconto del 20%, saldo in contanti all’arrivo) che ci consegna la Citroen Saxo e ci accompagna alla nostra casetta. Ormai è notte fonda, ci fa strada con la sua auto e noi lo seguiamo fino alla punta meridionale dell’isola (una trentina di chilometri a sud dell’aeroporto), a Fuencaliente. Pedro è un pazzo furioso, ci sta facendo percorrere in discesa delle strade ripidissime e strettissime (due auto non passerebbero contemporaneamente) delimitate da muretti di pietre su entrambi i lati. E’ buio pesto e non vediamo un tubo, ma sappiamo che là in fondo, là sotto davanti a noi c’è il mare perché ormai l’isola è finita. Scendiamo ancora. Arrivati finalmente, la casa sembra carina, ma adesso siamo troppo sfatti e affamati, saldiamo il conto, salutiamo Pedro, mangiamo e andiamo a letto. Siamo veramente in culo ai lupi.

02/08/2006 – LA PALMA: CHARCO AZUL – LOS CANCAJOS (170 KM)
Il risveglio è una vera sorpresa, finalmente ci rendiamo conto di dove ci troviamo e il posto è ancora più bello di quanto ci aspettavamo. Non è un appartamento, ma una “casa rural” su un unico piano, muri in sassi e tetto in coppi, pavimenti in cotto, soggiorno con bellissima cucina superaccessoriata (microonde, lavatrice…), camera con due letti, bagno con biancheria. All’esterno un cortile di ghiaia delimitato da una staccionata e lettini per il sole. La veduta è favolosa: sotto di noi le viti basse ricoprono il fianco della montagna e scendono a terrazze fino al mare diverse centinaia di metri più giù, non un’abitazione tra noi e l’oceano e di fianco il Volcan San Antonio. Pedro, sei un mito! Il problema è che percorrere la strada di ieri sera vuol dire rischiare la vita ogni volta che si esce e si torna a casa. Fortunatamente riusciamo a trovare un percorso alternativo che ci permetterà di conservare intatta la pelle. Come primo giorno spariamo in alto: andremo fino su al nord, lungo la costa est, per vedere le piscine naturali di Charco Azul. Si tratta di pozze di acqua di mare ricavate con delle barriere di scogli e cemento, completate con le scalette da piscina, per fare il bagno nell’acqua dell’oceano senza rischiare la vita. Purtroppo il tempo non è favoloso  ci costringe alla felpa, ma verso sud si vede Santa Cruz illuminata dal sole: cambio di programma, veloce spesa al supermercato e quindi in spiaggia a Los Cancajos, poco più a sud della capitale. La spiaggia è vulcanica e la sabbia è nera e finissima; l’acqua è molto bella anche se il fondo scuro non ne mette completamente in risalto i colori. Scopriamo a nostre spese che la sabbia nera amplifica l’effetto dei raggi solari fino a diventare incandescente, tanto che ogni volta che dobbiamo lasciare il salviettone per andare a fare il bagno (di corsa, naturalmente!), è come camminare sui carboni ardenti come i fachiri indiani. Arrivare ad immergere i piedi nell’acqua dopo avere camminato nell’inferno è una sensazione di grande sollievo. Purtroppo, presi come eravamo dalla smania della spiaggia, abbiamo dimenticato la busta dell’insalata in auto, sotto il sedile, sotto il sole cocente. Adesso è marcia e puzzolente.

03/08/2006 – LA PALMA: COSTA OVEST – PUERTO NAOS (180 KM)
La Palma è un’isola verdissima, piena di boschi e pinete, con spiagge nere vulcaniche e disseminata di bananeti. Aveva ragione la hostess della Binter: quando le abbiamo detto dove eravamo diretti, ha sospirato “Ah, la  Palma, la mas bonita”. Oggi partiremo all’esplorazione della costa ad ovest, che percorreremo per intero fino all’ingresso della Caldera de Taburriente a nord, oltre Punta Gorda. La strada, naturalmente piena di curve, si trova ad un’altezza considerevole e costeggia grandi foreste di pini di una specie particolarmente resistente al fuoco e in grado di germogliare nuovamente in tempi ridotti dopo un eventuale incendio. Sulla strada incontriamo un “drago centenario”, una pianta molto curiosa particolarmente longeva. La strada è lunga e l’ultimo tratto piuttosto impervio e il richiamo del mare è sempre più forte: dietro front, addio caldera, andiamo in spiaggia. Si ritorna verso sud e circa a metà dell’isola ci fermiamo a Puerto Naos, piccola località turistica con sabbia naturalmente nera e palme sulla spiaggia. E’ ora di stendere il salviettone. Arriva il momento del bagno, il mare dista solo una ventina di metri e senza pensarci ci incamminiamo verso l’oceano senza ciabatte; pochi passi ci bastano per rimpiangere di averle lasciate sui salviettoni. La sabbia nera non perdona. Una volta rientrati nella nostra casetta a Fuencaliente, veniamo letteralmente assaliti dai morsi della fame e, mancando ancora un po’ all’ora di cena, affondiamo i denti in uno dei nostri salami e sbraniamo una delle nostre saporite punte di parmigiano: la “merenda” (così chiameremo questa brutale spazzolata pomeridiana) diventerà una sana tradizione di tutti i pomeriggi al ritorno dalle nostre escursioni. Il tramonto dal nostro cortile è qualcosa di indimenticabile. Dopo cena, lettini sotto al portico per terminare la giornata con una birra sotto le stelle davanti all’Atlantico.

04/08/2006 – LA PALMA: LOS TILOS (100 KM)
Anche se il nostro è un viaggio di “mare” l’isola di La Palma è talmente bella e verde che merita di fare anche alcune escursioni all’interno, anche se ci costeranno sudore e fatica. Uno dei percorsi consigliati è quello che porta al mirador di Los Tilos: bisogna percorrere la LP1, superare Santa Cruz e proseguire fino a San Andres, dove si imbocca una bella strada in mezzo ai boschi che porta verso l’interno. Una volta parcheggiata l’auto, cominciamo a salire a piedi lungo il sentiero, tra i boschi e le felci, ma la salita è più dura di quello che pensavamo. All’arrivo siamo praticamente spompati, ma ce lo siamo anche un po’ cercato, dato che abbiamo fatto la salita con le infradito! (pazzi furiosi). Dopo una sberla del genere, facciamo una bella sosta per vedere il panorama e per riprendere il fiato, perché anche la discesa non sarà uno scherzo. Sulla strada del ritorno passiamo ancora per Santa Cruz che è proprio una bella cittadina con case di colori vivaci e balconi in legno molto caratteristici. L’architettura qui a La Palma è molto semplice, ma unica: le strade sono costeggiate da tante piccole “casas rurales”, generalmente su un unico piano, tutte ristrutturate ed in ottimo stato, che gli abitanti stanno cominciando ad affittare per le vacanze; molti spagnoli (ma anche molti nordici) hanno capito che il posto non è male. Anche la nostra casa, casa Carolina (come l’ha battezzata il nostro Pedro) è una tipica casa rural. E per finire, bagno a Los Cancajos, sulla nostra sabbia nera.

05/08/2006 – LA PALMA: CALDERA DE TABURRIENTE (140 KM)
La caratteristica fondamentale dell’isola di La Palma è un territorio completamente dominato da fenomeni vulcanici, alcuni antichissimi, alcuni più recenti (il nostro vicino di casa per esempio, il Volcan San Antonio, ha eruttato l’ultima volta nel 1947, praticamente ieri l’altro). Oggi ci aspetta la famosa Caldera de Taburriente, quello che resta di un enorme cratere vulcanico dal quale è partita una eruzione gigantesca che ha dato origine a buona parte dell’isola. Abbiamo perso tanto tempo alcuni giorni fa per raggiungere la caldera da nord (senza portare a termine l’impresa), quando l’ingresso più facilmente raggiungibile ed anche più spettacolare si trova a sud, oltre Los Llanos de l’Aridane, poco distante da El Paso. Una bella strada sale piano piano snodandosi tra le pinete fino ad arrivare al mirador de la Cumbrecita, che offre una grandiosa veduta a 360°. La caldera, che dà proprio l’impressione di una grande pentola, è un anfiteatro circondato da vette alte più di 2000 metri, ricoperto da boschi di “pino canario” e si vede ancora benissimo il canale terminale che ha riversato in mare tutto il magma. E’ il paradiso degli amanti del trekking che qui trovano centinaia di chilometri di sentieri, rifugi e possibilità di campeggio. Un paesaggio di alta montagna a poche decine di chilometri dal mare, in mezzo all’oceano Atlantico.

06/08/2006 – LA PALMA: PLAYAS NEGRAS (30 KM)
I paesaggi di La Palma sono estremamente vari e cambiano nel giro di pochi chilometri. Siccome negli ultimi giorni ci siamo sbattuti un po’, passeremo la giornata di oggi tra le spiagge e spiaggette (e sono davvero tante) proprio sotto casa nostra. Si tratta di fare solo un po’ di tornanti in mezzo ai bananeti e dopo pochi chilometri siamo a Playa de la Zamora; di fianco, con un sentiero piuttosto facile, si raggiunge Playa Chica. Entrambe sono piccole spiagge vulcaniche, di sabbia nera e sassi, incastrate tra le rocce in fondo a due piccole baie, dove l’acqua è limpida e si può fare il bagno tranquillamente. Un piccolo spostamento verso sud, fino sotto le pendici del Volcan San Antonio, dove lava, ceneri e lapilli dell’ultima eruzione hanno creato un paesaggio veramente lunare, e facciamo il bagno nelle spiaggette poco affollate di Los Abadejos, Playa Nueva e Playa del Faro. Qui la lava finissima arriva fino sul mare. Dato che l’ultima eruzione del San Antonio è avvenuta nel 1947 e considerato che gli esperti ne prevedono altre perché non è completamente a riposo, il Volcan merita una visita dall’alto, sull’orlo del cratere: da una parte la caldera e dall’altra l’Oceano Atlantico, la veduta non è male, non c’è che dire; là sotto si vede anche la nostra “Casa Carolina” in mezzo ai vigneti.

07/08/2006 – LA PALMA: ULTIMO DIA EN LA PALMA
Ci dispiacerà mollare la nostra casa rural: oltre ad essere molto bella, la casetta si trova anche in una posizione invidiabile e piuttosto isolata dal paese di Las Indias (circa due chilometri). Durante il giorno siamo sempre stati in giro a zonzo per l’isola, ma alla sera, al ritorno, ci sono una pace ed una tranquillità che condite con il tramonto sull’oceano rendono questo posto unico. Per alcuni giorni siamo rimasti gli unici abitanti del posto, poi è arrivata una coppia di cinquantenni, chiaramente nordici, che si sono accomodati nella casetta gemella, di fianco alla nostra. “Gli olandesi”, li avevamo soprannominati, anche se non abbiamo mai saputo da dove venissero veramente. In cinque giorni non li abbiamo mai sentiti parlare, neanche tra loro: lui sempre seduto in veranda a leggere, ad ogni ora del giorno e fino a tarda sera, lei sempre alle prese con i lavori di casa (un bilocale di trenta metri quadri non può richiedere così tanto impegno). Niente, neanche una parola. Abbiamo provato a stordirli con gli aromi delle nostre carbonare, per vedere un minimo di reazione, ma loro erano sempre più rigidi e taciturni. Che bel quartetto: noi, due italiani vocianti e pittoreschi, creatori di aromi di sughi e paste condite, loro due freddi nordici che non si sarebbero scomposti neanche per una sboccata del San Antonio.

Filippo e TripFabio

TOP OF PAGE

Scrivi un commento

*

captcha *